Dicembre 2002 - Gennaio 2003

nel Disegno - mostra di 44 artisti

Presentazione del catalogo Corraini Edizioni

di Marco Pellizzola e Valeria Tassinari.

 

 

Ottobre - Novembre 2003

Robert Gschwantner “OIL PAINTINGS 2"

L'artista realizza i suoi lavori come dei quadri-scultura o, se si vuole ed anche più propriamente, come degli arazzi; le tinte sono fluorescenti, gialli rossi ed arancioni squillanti. Ma basta avvicinarsi per rendersi conto che le opere del giovane artista austriaco Robert Gschwantner sono fatti di minuscoli tubi di plastica riempi di oli industriali. Ed è proprio l'olio, non la pittura, la causa di quelle tinte lucide e brillanti, che cambiano sfumatura con i riflessi della luce. Già, perché l'artista ha creato

 

 

wp025a311f.gif
wp025a311f.gif

alcuni degli Untitled (questo è il titolo delle opere) con due strati di tubicini intrecciati in maniera diversa in modo da creare un effetto dinamico. Sette opere per sette combinazioni di colori, in modo tale che il movimento della luce penetri nella profondità dell'opera. Una curiosità, l'olio dei quadri dell'artista una volta era quello raccolto sulla riva del mare dopo grandi disastri ambientali.

 

 

wp025a311f.gif

Giugno 2002

Angelo Barone - Elisabeth Scherfigg

"TERRITORI INCERTI"

Tanto spazio tanto tempo tante anime corpi pensieri tubi colonne strade officine tante pietre bende percorsi tanti escrementi tante strutture e venature tanti cieli strade finestre tante case scale portoni tante città tanti sentieri tante mani braccia polmoni tanti respiri tanti affanni tanto piccolo tanto grande tanto immenso non finito. Tanta acqua mare terra tanto sventrata ricostruita tante navi aerei racconti tanti treni sangue coltelli tante strutture e

 

 

 

 

venature tante granate morti memorie tanto vuoto deserto infinito tanti nomadi tante città tanto respiro tanto destino tante ali graffi carezze tanti squarci e scalfitture tanti luoghi intricati convulsi tanti uomini donne bambini tanto confine tanta quiete terra tempesta tanto alluminio carbonio anidride tanti tubi connessioni tante livelle viscere pietre tanti déi pelli materie tanto atlante tanto mondo tanto spazio si muove respira il tempo tace il tempo ci spia.

wp025a311f.gif

Maggio 2002

Enrico Bertelli  “FEEDBACK”

Catalogo con testi di :AA.VV"(..)

Le sue tele più recenti, sono quadri quasi monocromi, minimi sono i segni di cui si sente la traccia più che vederla, la traccia di un pensiero che, attraversato i vari tempi pittorici e le sospensioni è arrivato a trova-

 

 

 

 

 

wp4e91b2ac.gif
wp57e4bf24.gif

Giugno 2002

MIART Fiera dell’Arte - Milano
 

ART Twente – Holland

 

 

 

wp5b2e6c20.gif
wp38ea02f1.gif
wp26852787.gif

re la luce in una liquidità di colore da proiettare sulla tela un'idea di bagnato e di grande liricità per la grande estensione tonale. (...)"

 

 

 

 

 

wp025a311f.gif

Marzo 2002

Marina Calamai “HYPERGLYCEMIA”  

Fiorentina (1962), inizia a dipingere torte durante la gravidanza. Nascono le opere: Mio dolce meringato, Tondo goloso, Furto goduto, Manca una fetta, Dolce pensata, Ritmi affettati.
"Avevo troppi zuccheri nel sangue," racconta," e non potevo mangiare nessun alimento dolce. Cosi', per sublimare il mio oggetto del desiderio, ho iniziato a disegnarli". Tanto reali da sembrare veri: sacher torte, morbidi plum-cake, budini alla crema, bavaresi con panna, saint honorè e crostate di frutta, sono diventate protagoniste delle sue tele.

 

wp73f863b5.gif
wp025a311f.gif

Febbraio 2002

Irma Blank “HYPER-TEXT”
Catalogo con testi di: Marosia Castaldi, Milli Graffi, Giorgio Zanchetti

"Cerco di risolvere l'esistenza in scrittura, di cogliere il ritmo, il respiro del mondo, con il solo strumento della scrittura. Nel senso di una scrittura totale che si richiami alle Origini, al-di-fuori di ogni significato. Ho affrancato la scrittura dall'asservimento al senso; le ho dato dignità di autonomia. Di senso. Nell'essere." Irma Blank

 

 

wp025a311f.gif
wp77977b78.gif

Gennaio 2002

Gianni Cella "SHOW MUST GO ON “
Catalogo con testo di Maurizio Sciaccaluga

Per la prima volta solo, con il suo nome proprio, Gianni Cella, ci presenta il suo ultimo lavoro dopo la separazione dal gruppo (Plumcake). Un inedito a Milano: sculture in vetroresina e una serie di piccole opere dipinte su tavola.

 

 

 

wp0701d048.gif